Home

“Nell’opera di Adriana Soares sono presenti i concetti dell’uguaglianza e della varietà. Questi due concetti antitetici e opposti sono entrambi presenti e riuscire a sintetizzarli è caratteristica dei grandi artisti. L’impossibilità di non essere se stessa, corrisponde al concetto di uguaglianza ed è la cifra del grande artista, ovverosia il nesso inscindibile che si viene a creare tra l’artista e l’opera, quindi l’identità, inteso nel senso di uguaglianza, per cui l’artista combacia con la sua opera, in un certo qual modo si può affermare che l’artista è l’opera. L’altra grande qualità è la varietà e cioè la capacità dell’artista di essere sempre diversamente se stessa. Questa qualità è molto importante perché in questa risiede la capacità fondamentale di essere in grado di evolversi, mantenendo le proprie connotazioni al di là dei pezzi realizzati, al di là degli anni trascorsi. Questa grande qualità determina la riconoscibilità dell’artista stesso ed è tipica dei grandi artisti, quali sono Andrea, Ennio Morricone, Beethoven, Frédéric Chopin… Anche questa qualità è parte fondamentale del magistero creativo di Adriana Soares”.

Maestro Andrea Morricone

“Adriana Soares photography smells the life. An itinerary that starts when she was a child, begining on the instinctive pleasures for painting, from the sacrifice, thanks to her model work she travels all over the world and giving her the opportunity knowing photography, she falls in love for it, may be because she notices that an image, even if apparently static, can tell a whole life. The image interruption of an instant opens the mind to what’s before and after, and leads the observer to a search achieving a little miracle that only art can realize: being an incentive for the others creativity.Life moments for individuating the most important detail.The search of the children who was playing combinig colours suddenly achieves these same colours, with the same energy and instinct, being more aware, return and fuse with the photograph creations showing new and fresh images that sometimes keep and other times release great emotions. Joining or better the fusion between those faces apparently restless with city corners or by the nature, appears like a sort of soul’s Dna and not only by who creates but above all who takes advantage of it. Adriana gets in herself and her works determination of each day she lived and wish to comunicate to others for giving emotions like an invisible hand that comes with us. A circle getting closed, the child and the artist, a woman now, in a same body, in a same language”. (written by the poet Alessandro Vettori)

Annunci

Articoli recenti

“QUELLE VISIONI ONIRICHE CHE TI CAMBIANO LA VITA”

“QUELLE VISIONI ONIRICHE CHE TI CAMBIANO LA VITA” Cosa sono i sogni? Sicuramente sono un mistero, dei  miracoli. Potrebbero essere anche considerati  come dei sentieri sconosciuti,  capaci di offrire vittorie luccicanti o nascondere dei pericoli mortali, che possono, quindi,  facilmente realizzarsi o in un fiume di lacrime affogare… Quante volte un sogno non vi ha … Leggi tutto “QUELLE VISIONI ONIRICHE CHE TI CAMBIANO LA VITA”

Occhi d’artista …

Occhi d’artista … Che cosa hanno di particolare gli occhi del pittore, del fotografo, dell’artista per potere cogliere la bellezza in un’immagine che alla visione tua o altrui passerebbe inosservata? Sanno percepire la realtà nella sua natura di perfezione e desiderano esprimerla, condividerla con il mondo intero. L’artista molto spesso è un illuminato occasionale. Egli … Leggi tutto Occhi d’artista …

Altri articoli